Una vita a colori: Walt Disney, il sogno diventato realtà

L’evento 

Walt Disney moriva a Burbank, una cittadina della California, il 15 dicembre 1966, a causa di un tumore ai polmoni. Egli fu uno dei più grandi imprenditori, registi e produttori cinematografici della storia del cinema, nonché colui che fondò la Walt Disney Company. Inoltre, Walt Disney rappresentò il mito americano dell’uomo che si forma da zero.

Walt Disney insieme alle sue creazioni

Cenni biografici

Walter Elias Disney nacque a Chicago il 5 dicembre 1901 da genitori di origini europee. Egli, insieme ai fratelli, crebbe in una fattoria nel Missouri, lavorando insieme al padre. Fin dalla giovinezza dimostrò una certa attitudine al disegno, nonostante all’inizio abbia ricevuto molteplici rifiuti come fumettista. Nel 1918 si arruolò nell’esercito durante la Prima guerra mondiale. Il suo più grande sogno, tuttavia, era quello di realizzare film di successo.  

Carriera 

Egli incominciò a produrre delle animazioni, a cui lavorò nel garage di suo zio con una vecchia cinepresa. Il suo scopo era quello di animare dei pezzi di cartone, aggiungendo il tocco del sonoro. Nel frattempo, fu fondamentale l’incontro con il disegnatore  Ub Iwerks. Costui, infatti, disegnò, sotto le direttive di Walt Disney, Topolino: il simbolo della Disney. Mickey Mouse nacque verso la metà degli anni Venti del Novecento, da un abbozzo chiamato Oswald il coniglio fortunato, che però era il frutto di una precedente collaborazione con la Universal e che gli apparteneva legalmente, avendone lui i diritti. Il design fu riadattato e Topolino, alla fine, fece il suo debutto il 18 novembre 1928 nel cortometraggio con l’audio prodotto dalla Pat Powers, Steambot Willie, anche se prima era già comparso in L’aereo impazzito (Plane Crazy) e in Topolino gaucho.

 

La prima comparsa di Topolino il 18 novembre 1928, nel film Steamboat Willie
L’evoluzione di Topolino

Walt Disney Company 

Questa data segna la nascita del successo di Walt Disney che, insieme a Ub e al fratello Roy, cambiò il nome della Walt Disney Studio (prima chiamata Disney Brothers Cartoons Studio nel 1923) in Walt Disney Productions, nel 1929. Grazie alla geniale creazione di Topolino, riuscì ad approdare a Hollywood e, nel 1931, il topo più famoso del mondo comparve in una dozzina di film. Oltre a Topolino, ben presto comparvero sul grande schermo anche i suoi amici: Paperino, Paperina, Minnie, Pippo e Pluto. Tutti questi compariranno, in seguito, anche in versione fumetto; ancora oggi, infatti, i fumetti di Topolino sono apprezzati e amati dal pubblico.

Biancaneve e i sette nani, tratto da una fiaba, fu il primo vero film di successo targato Walt Disney company, uscito nelle sale nel 1937. Tra gli altri film prodotti mentre egli era in vita si ricordano:

Pinocchio (1940), Fantasia (1940), Dumbo (1941), Bambi (1942), Cenerentola (1950), Alice nel paese delle meraviglie (progettato già negli anni ’20, all’inizio si rivelò in un fiasco e venne riprodotto solo nel 1951), Le avventure di Peter Pan (1953), Lilli e il vagabondo (1959), La bella addormentata nel bosco (1959). 

Biancaneve durante una scena del film
Controversie 

Sulla luminosa carriera di Walt Disney aleggiarono sempre delle accuse di razzismo, antisemitismo e, addirittura, filonazismo. Infatti, nonostante le smentite della famiglia e dei suoi più stretti collaboratori, rimase questa macchia sulla sua persona. Molti avrebbero visto stereotipi razzisti e antisemiti usati dal produttore, come ad esempio l’abbigliamento del lupo cattivo nel film I tre porcellini. L’accusa della sua presunta vicinanza al nazismo è dovuta alla sua adesione a un’organizzazione di stampo conservatore: la Motion picture alliance for the preservation of American ideals, da cui, in realtà, prese le distanze negli anni Cinquanta. Ad oggi rimangono ancora delle accuse prive di fondamento. Infatti, proprio Walt Disney produsse vari film anti-nazisti, tra cui Donald Duck in Nutziland

Eredità 

Nonostante le ombre sulla sua figura, una cosa è certa: i suoi lavori fecero e fanno sognare ancora oggi intere generazioni non solo di bambini ma anche di adulti, che fanno vedere ai propri figli film che hanno segnato in positivo la loro infanzia e finché qualcuno guarderà i classici Disney, la sua eredità sarà sempre presente. Egli adattò per il cinema le fiabe più famose, creò personaggi come Topolino e la sua famiglia, al fine di far sognare e fantasticare in tempi duri come quelli tra le due Guerre Mondiali. Inoltre, nel 1955 egli fondò a Orlando, in Florida, il primo parco a tema: Disneyland; in seguito, anche a Tokyo e a Parigi sorsero parchi a tema. La magia che regna in questi luoghi riesce a far scordare la realtà e a far immergere milioni di turisti in un mondo fantastico dove tutto è possibile. D’altronde, come diceva uno slogan coniato negli anni 80 dai successori di Walt Disney, “Se puoi sognarlo, puoi farlo”.

Disneyland Paris di notte (immagine da Disneylandparis.com)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *