UCRAINA | “La Russia non farà la fine dell’URSS!”: il discorso di Putin

“La Russia non farà la stessa fine dell’URSS”. Queste le parole recitate da Putin parlando ai giovani imprenditori, invogliando la Russia a difendersi come ai tempi dello Zar. Ma perché prendere in considerazione quel periodo?

Le parole di Putin e la commemorazione a Pietro Il Grande

Il discorso che Putin ha tenuto ai giovani imprenditori si è svolto giovedì 9 giugno, giorno del 350esimo anniversario della nascita di Pietro il Grande. Le prime parole del presidente russo sono state: “La Russia non farà la fine dell’Urss, la nostra economia resterà aperta”. Poi Putin ha dato giustizia alla sua attuale battaglia mettendola a confronto con altre che la Russia ha fatto in passato. “Abbiamo appena visitato la mostra dedicata al 350esimo anniversario: quasi niente è cambiato. Pietro il Grande ha combattuto la Guerra del Nord per 21 anni. Non è vero che voleva separare un territorio dalla Svezia, ma solo riprenderlo.” 

Pietro Il Grande
Pietro Il Grande, ultimo zar e primo imperatore della Russia nel 1721

 

L’importanza della sovranità

Putin, infine, ha parlato della sovranità e di quanto questa sia importante per la Russia. “Se lavoriamo partendo dal presupposto che la sovranità costituisce il fondamento della nostra esistenza, riusciremo senza dubbio a realizzare i compiti che abbiamo di fronte”, ha detto. Il presidente russo ha poi concluso  definendo i requisiti principali della sovranità di un Paese: “Per sovranità pubblica intendo la capacità della società di consolidarsi per raggiungere i compiti nazionali. E’ il rispetto della propria storia, della propria cultura, della propria lingua, dei popoli che vivono su un territorio. Questo consolidamento della società è una delle condizioni fondamentali per lo sviluppo. Se non c’è consolidamento, tutto crollerà”.

Vladimir Putin
Vladimir Putin durante il discorso ai giovani imprenditori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.