Palazzo Zanca e Statua di Messina


La statua di marmo simboleggiante Messina, scolpita da Giuseppe Prinzi nel 1859, era collocata originariamente  nel primo pianerottolo dello Scalone d’Onore del Palazzo Municipale. In seguito al terremoto del 1908 e alla distruzione dell’edificio, venne conservata all’interno del Museo Regionale.

Dopo il restauro eseguito da Francesco Finocchiaro nel 1973, è stata collocata in largo Giacomo Minutoli (fronte Palazzo Zanca). Oltre agli emblemi del commercio, la statua reca nella mano destra il decreto del 1838 con il quale Ferdinando II concesse nuovamente alla città il porto franco.

Ogni anno il 28 dicembre, in occasione della ricorrenza del terremoto che semidistrusse la città, la Confraternita della SS. Annunziata dei Catalani, ripone ai piedi  del monumento una corona d’alloro in memoria di tutti i caduti di quel triste giorno. 

Francesco Tirrito

Archeologo di I fascia (matricola 1432) e Direttore Editoriale della testata giornalistica ArcheoMe. Dopo aver conseguito la Laurea Triennale in “Operatore dei beni culturali con curriculum archeologico” e la Laurea Magistrale in “Archeologia del Mediterraneo e Tradizione classica” presso l'Università degli studi di Messina, si specializza in “Beni archeologici” con il massimo dei voti e con lode presso l’Università degli studi di Basilicata, sede di Matera. Esperienza giornalistica maturata presso televisioni, radio e quotidiani online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *