News | Precipita aereo in Etiopia: tra i 157 passeggeri anche l’Assessore Tusa

L’assessore Sebastiano Tusa è uno dei 157 passeggeri del volo Ethiopian Airlines che stamani si è schiantato alle 8.44 (ora locale), 6 minuti dopo il decollo da Addis Abeba, vicino alla località di Bishoftud, ad una cinquantina di chilometri a sud della capitale etiope.  Sarebbero 8 gli italiani a bordo (ANSA).

L’archeologo Sebastiano Tusa si dirigeva in Kenia per un progetto dell’Unesco, località in cui era già stato nel Natale scorso con la moglie, Valeria Patrizia Li Vigni, direttrice del Museo d’Arte Contemporanea di Palazzo Riso a Palermo. L’assessore ai Beni Culturali di Sicilia, figlio dell’archeologo di fama internazionale Vincenzo Tusa, aveva sostituito Vittorio Sgarbi nel suo mandato nell’Aprile scorso. 

Tusa è stato docente alla Facoltà dei Beni Culturali dell’Università di Palermo, dopo una parentesi come professore di Paletnologia all’Università Suor Orsola Benincasa a Napoli e docente a contratto alla Scuola di Lettere e Beni Culturali dell’Università di Bologna.

A dichiare il decesso dei passeggeri è la stampa etiope attraverso un comunicato trasmesso ad ANSA. Tra gli italiani deceduti, identificati tre volontari appartenenti a una onlus di Bergamo,  la cui identità non è ancora stata resa nota ai media.  

Francesco Tirrito

Archeologo di I fascia (matricola 1432) e Direttore Editoriale della testata giornalistica ArcheoMe. Dopo aver conseguito la Laurea Triennale in “Operatore dei beni culturali con curriculum archeologico” e la Laurea Magistrale in “Archeologia del Mediterraneo e Tradizione classica” presso l'Università degli studi di Messina, si specializza in “Beni archeologici” con il massimo dei voti e con lode presso l’Università degli studi di Basilicata, sede di Matera. Esperienza giornalistica maturata presso televisioni, radio e quotidiani online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *