NEWS | Nuove ipotesi per la lettura del complesso di Iulia Felix a Pompei

Risale al periodo ellenistico (III-II sec. a.C.) l’urbanizzazione nell’enigmatica area dei Praedia di Iulia Felix
I praedia di Iulia Felix

I Praedia di Iulia Felix sono un complesso situato nella Regio II a Pompei, da alcuni anni oggetto di ricerche archeologiche dell’Università di Pisa e della Scuola IMT Alti Studi di Lucca. I Praedia sono composti da un’abitazione privata (domus), un giardino con fontane, terme e un vasto parco. Il sito è molto importante: infatti, è collocato in un settore delimitato da una porta urbica, dalla necropoli di Porta Nocera, dall’Anfiteatro e dall’arteria stradale più importante della città, via dell’Abbondanza.

Le ultime scoperte

Durante la terza campagna di scavo, che si è conclusa pochi giorni fa, gli archeologi hanno fatto più chiarezza sul sito. Se gli scavi precedenti avevano portato alla luce la fase di prima età imperiale, quest’ultimo scavo ha aperto diversi orizzonti di indagine. Nella zona settentrionale del parco si è rinvenuta traccia di una più antica lottizzazione dell’area, certamente databile al periodo ellenistico. Questo dà la conferma che, prima dei praedia, ci fosse un più articolato assetto urbano. Il recupero di materiali votivi di età arcaica e classica impone anche una riflessione relativa ai luoghi di culto nelle fasi più antiche di Pompei.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito del progetto, la pagina Instagram e Twitter.

PraediaProject: un prezioso contributo all’edilizia domestica di Pompei

Dal 2016 l’Università di Pisa ha avviato lo scavo dell’area dei Praedia di Giulia Felice. Il progetto Praedia, acronimo di Pompeian Residential Architecture Enviromental, Digital and Interdisciplinary Archive, si è svolto in collaborazione con il Parco Archeologico di Pompei, il Laboratorio Smart della Scuola Normale Superiore di Pisa (Sns) e l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). Lo scopo è quello di indagare il settore dell’edilizia domestica di Pompei con un approccio multidisciplinare. Coordinatori del progetto sono Riccardo Olivito, ricercatore presso gli Alti Studi di Lucca, e Anna Anguissola, professoressa presso l’Università di Pisa e collaboratrice col laboratorio LARTTE nell’ambito del progetto “Solone”.

BIBLIOGRAFIA

Paesaggi domestici. L’esperienza della natura nelle case e nelle ville romane Pompei, Ercolano e l’area vesuviana, a cura di A. Anguissola, M. Iadanza, R. Olivito, Roma, L’Erma di Bretschneider 2020, Studi e Ricerche del Parco Archeologico di Pompei, 42

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.