NEWS | Le missioni archeologiche italiane in Turchia si raccontano online

Si terrà online l’XI edizione del Convegno annuale delle missioni archeologiche italiane in Turchia, organizzato dall’Ambasciata Italiana Ankara e dall’Istituto Italiano di Cultura di Instabul.

La ricerca archeologica italiana nella penisola anatolica, oltre a essere un prezioso strumento di diplomazia culturale, risale alla metà del secolo scorso e continua tutt’oggi con grande passione, professionalità e reciproco vantaggio.

L’Italia sostiene più di dieci missioni archeologiche organizzate da alcune delle più prestigiose istituzioni italiane, universitarie e scientifiche.

Il Convegno

Lo spazio pubblico, lo spazio privato. Contributo delle missioni archeologiche italiane a scavi, ricerche e studi in Turchia, questo è il titolo del convegno proposto per la presentazione dei risultati degli scavi.

Si compone di tre webinar online divisi in altrettante settimane. Un incontro preliminare, tenutosi il 21 novembre 2020, ha visto le presentazioni delle autorità e degli enti interessati. Sono intervenuti l’Ambasciatore d’Italia in Turchia, Massimo Gaiani, e il Vice Direttore Generale per i Beni Culturali e i Musei del Ministero della Cultura turco.

Efeso, Turchia
 
Il programma

I webinar si terranno nelle seguenti date: 26/11/2020 – 03/12/2020 – 10/12/2020, dalle ore 10:00 (orario italiano) fino alle ore 12:00 (orario turco). Ogni incontro si concentrerà su determinati periodi storici, dalla Preistoria al Periodo Bizantino.

26 Novembre 2020Preistoria, Protostoria ed Età Ittita (Introduce e modera: Marcella Frangipane)

Interverranno:

  • Caneva, La funzione sociale dello spazio abitativo tra il VI e il V millennio a.C. a Mersin-Yumuktepe;
  • Balossi Restelli, M. Frangipane, Spazio pubblico e spazio privato ad Arslantepe nel IV millennio a.C.;
  • D’Agostino, Lo spazio urbano e i luoghi del potere ittita a Uşaklı Höyük, in Anatolia centrale;
  • Marazzi, C. Pepe, L. Repola, A. Schachner, L’area del “Grande Tempio” di Hattuşa: un progetto di analisi architettonica connesso con l’applicazione di nuove tecnologie.

3 Dicembre 2020Età Ittita, Neo-Ittita ed Ellenistica (Introduce e modera: Marcella Frangipane)

Interverranno:

  • Pucci, Dallo spazio fortificato allo spazio condiviso: contesti e materiali alla fine del Bronzo Tardo ad Alalakh;
  • Peyronel, F. Kulakoğlu, L’organizzazione dello spazio pubblico e privato a Kültepe tra Bronzo Medio ed Età del Ferro. Nuovi dati dal settore meridionale dell’insediamento;
  • Marchetti, Spazio pubblico e privato a Karkemish tra epoca neoittita e fase neoassira;
  • D’Alfonso, B. Yolacan, Spazio pubblico e spazio privato in una città – tempio  ellenistica dell’Anatolia centrale (N-KH).

10 Dicembre 2020Età Classica e Periodo Bizantino (Introduce e modera: Isabella Caneva)

Interverranno:

  • Polosa, Spazio pubblico – spazio privato: il caso di Elaiussa Sebaste;
  • Semeraro, Hierapolis di Frigia: forma e funzione degli spazi nei paesaggi urbani di età romana e bizantina;
  • L. D’Agata, G. Salmeri, Dinamiche spaziali sullo höyük di Misis in età romana e tardoantica;
  • Andaloro, Nel grembo della roccia. Lo spazio dei monaci e lo spazio degli altri in Cappadocia.

Qui il programma completo.

Locandina dell’evento (fonte Istituto Italiano di Cultura ad Instabul)
 
Organizzazione e fruizione dei webinar

Per la partecipazione si dovrà visitare il sito web dell’Istituto Italiano di Cultura di Istanbul e seguire le indicazioni per ogni singola conferenza.

Gli interventi, tutti dal vivo, saranno tenuti sulla piattaforma Zoom, in lingua italiana con traduzione simultanea in lingua turca. Al termine è prevista una sessione di domande e risposte.

I video delle conferenze saranno poi resi disponibili sul canale YouTube dell’Istituto di Cultura di Instabul nella settimana successiva, sia nella versione in italiano che in quella in turco.

Oriana Crasi

Classe '89. Sono laureata in Beni Culturali, Curriculum Archeologico presso l'Università di Messina e in Egittologia presso l'Università di Pisa. I miei interessi spaziano dall'ambito funerario e cultuale antico egiziano all'arte contemporanea!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *