NEWS | Il Muro sull’Appia Antica candidato a patrimonio dell’Unesco

Poco più di una settimana fa i componenti della commissione Unesco del MiBACT hanno visitato il Parco Archeologico di Muro Tenente a Mesagne (BR) per valutare la struttura messapica come possibile candidata tra le prestigiose Ricchezze dell’Umanità.

La scoperta

Muro Tenente è stato riportato in luce da Gert-Jan Burgers, professore della Libera Università di Amsterdam, e dagli archeologi di Impact Archeologia guidati da Christian Napolitano, ora direttore del Parco.

“Quando abbiamo intrapreso questa sfida – oltre dieci anni fa – nessuno avrebbe scommesso nulla sulle potenzialità del Parco Archeologico di Muro Tenente”, Napolitano commenta così il sopralluogo della commissione Unesco su Facebook. Il Muro si trova lungo il corso dell’Appia Antica, l’antica arteria di collegamento tra Roma e Brindisi ancora sul tavolo delle trattative Unesco dal 2006. “Ci sono ancora tante cose da fare. Il percorso è lungo, ci vuole impegno e coraggio, soprattutto da parte delle istituzioni locali e regionali” commenta ancora l’archeologo.

L’antico abitato messapico di Muro Tenente (BR)

Maria Rosaria Ariano

Classe '99. Laureanda del CdL triennale in Scienze Archeologiche della Sapienza, Università di Roma. Ho partecipato a diverse campagne di scavo organizzate dall'ateneo romano e non solo: Leopoli-Cencelle (VT) e pendici meridionali del Palatino (RM; Domus Augustea e fortezze Frangipane), Portopalo di Capopassero (SR; con le università di Catania e di Cadice). Adoro il greco antico, ho seguito diversi laboratori di traduzione e corsi di potenziamento. Mi diverto a schedare e digitalizzare testi epigrafici, vado volentieri in giro per biblioteche e mi diverto con CAD e GIS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.