NEWS | I Nebrodi si vestono di luce con il rito del solstizio d’estate

Antonio Presti, mecenate e ideatore della Fiumara d’arte, ripropone sui Nebrodi, nei giorni del solstizio d’estate, il “Rito della luce“. L’incontro, come ogni anno, avverrà presso la Piramide 38° parallelo dell’artista Mauro Staccioli, a Motta d’Affermo (ME). La struttura sarà aperta al pubblico nei quattro weekend di giugno a cominciare da quello di sabato 5 e domenica 6 2021, dalle ore 16.00 al tramonto. Quest’anno ilRito della luce è dedicato alla “visione del futuro“.

rito
Il Rito della luce alla Piramide 38° parallelo (immagine via Atelier sul Mare)

«L’armonia universale», dice Presti, che con la sua Fondazione ha riempito il territorio di installazioni artistiche. Continua: «È il soffio che avvolge tutti. Il futuro non va inteso soltanto come paura, incertezza ma come possibilità, prospettiva e nuovo modo di vedere il mondo con la lente diversa e caleidoscopica dell’arte e della bellezza». Da ormai undici anni, folle di visitatori si radunano ai piedi della Piramide in occasione del rito. «Questo momento di incontro» – aggiunge Presti – «sarà dunque, ancora una volta, un momento di riflessione sulla nuova prospettiva che la pandemia ha tentato di strapparci. L’energia dei giovani, dell’arte e della bellezza ci ha messo ancora nelle condizioni di pensare e riflettere in direzione di un futuro diverso, ricalibrato in seguito a un forte trauma collettivo che ha generato fragilità e disagio nelle nuove generazioni».

 

Oltre la Piramide

Non ci sarà solo il rito presso la Piramide, ma anche la possibilità di visitare le camere d’arte dell’albergo-museo d’arte contemporanea Atelier sul mare, a Castel di Tusa (ME). Inoltre, nello spazio antistante l’albergo, sarà presente l’installazione Bosco incantato, con sculture di Ute Pyka e Umberto Leone. Sarà anche visibile il Cavallo eretico dell’artista messinese Antonello Bonanno Conti, realizzato in acciaio inox. Tutta la manifestazione è per il sindaco di Motta d’Affermo (ME), Sebastiano Adamo, «una grande occasione di sviluppo culturale e turistico».

La zona, inoltre, è stata di recente la location scelta per il video musicale di Klan di Mahmood. Il video comprende anche la visione di alcune delle camere d’arte dell’Atelier sul mare e della Finestra sul mare, altra opera della Fiumara d’arte.

Sul set di Klan (immagine via MessinaToday)

Oriana Crasi

Classe '89. Sono laureata in Beni Culturali, Curriculum Archeologico presso l'Università di Messina e in Egittologia presso l'Università di Pisa. I miei interessi spaziano dall'ambito funerario e cultuale antico egiziano all'arte contemporanea!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *