NEWS | Herdonia (FG), la Pompei di Puglia riapre il Museo

Il mese di ottobre ci lascia con un’incredibile notizia: riapre HerMA, il Museo Archeologico di Herdonia, l’antica città romana scoperta nel secolo scorso su una collina a sud-ovest dell’attuale Ordona (FG).

Il Museo riparte con l’aiuto dell’Associazione di promozione sociale Mira, giovani professionisti nel settore dei Beni Culturali che da sempre si impegnano a valorizzare il patrimonio storico, archeologico e naturalistico dell’affascinante provincia pugliese.

Herdonia, una Pompei dimenticata

Herdonia fu teatro di due cruciali battaglie della seconda guerra punica: Annibale lì vinse i romani nel 212 e nel 210 a.C. Livio racconta, non a cuor leggero, che la speranza e il timore degli eventi, avvertiti non soltanto dai Romani, si rinnovavano vicendevolmente, quasi senza pietà.

Anche da parte dei Cartaginesi la presa di Taranto si contrapponeva alla perdita di Capua e, se da un lato motivo di gloria era l’esser giunti fin sotto le mura di Roma senza che nessuno li fermasse, sentivano d’altro canto il rammarico dell’impresa vana e la vergogna, poiché da un’altra porta un esercito romano si incamminava per la Spagna. Livio, XXVI, 37

Herdonia raggiunse il suo massimo splendore in età imperiale, grazie alla vicinanza alla via Traiana, un’importantissima arteria di collegamento da Benevento a Brindisi. La città, sopravvissuta alle invasioni barbariche, ospitò uno dei castelli di Federico di Svevia, ma fu abbandonata circa cent’anni dopo; il vero reinsediamento cominciò tra XVII e XVIII secolo, in una zona vicina all’antico sito.

Gli scavi

Gli scavi stratigrafici hanno riportato in luce elementi significativi dell’antica Herdonia: resti di mura perimetrali e della porta principale con torri in opus reticulatum a base quadrata; in un grande complesso di costruzioni sono riconoscibili: due templi, la basilica, il foro, il mercato, le terme e, a nord-est, un piccolo anfiteatro. All’esterno delle mura si estende una grande necropoli, che ha restituito diversi esempi di ceramica dauna conservati nei musei di Foggia, Bari e Taranto.

Il Museo di Herdonia sotto una nuova luce

Nel 2000 gli scavi sono stati interrotti per un contenzioso tra il MiBACT e i proprietari dei terreni su cui sorge Herdonia. Nel 2014, poi, il Ministero è riuscito ad acquisire parte della proprietà e tutt’oggi sta cercando di ottenere il resto del terreno per continuare gli scavi. Ma, nonostante l’impegno dei piani alti, la vegetazione si è riappropriata del luogo, danneggiando gravemente le strutture liberate dalla terra.

Dopo un periodo di inattività, il Museo ha riaperto con un ricco programma di eventi per tutti i weekend del mese di Novembre e successivi, tra visite guidate con esperti archeologi e laboratori didattici per bambini. Il calendario è in continuo aggiornamento!

Maria Rosaria Ariano

Classe '99. Laureanda del CdL triennale in Scienze Archeologiche della Sapienza, Università di Roma. Ho partecipato a diverse campagne di scavo organizzate dall'ateneo romano e non solo: Leopoli-Cencelle (VT) e pendici meridionali del Palatino (RM; Domus Augustea e fortezze Frangipane), Portopalo di Capopassero (SR; con le università di Catania e di Cadice). Adoro il greco antico, ho seguito diversi laboratori di traduzione e corsi di potenziamento. Mi diverto a schedare e digitalizzare testi epigrafici, vado volentieri in giro per biblioteche e mi diverto con CAD e GIS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.