NEWS | Ercolano vive dopo millenni, un grande team fa un’incredibile scoperta

Una rivista scientifica americana, Plos One, rivela la scoperta di neuroni umani appartenenti a una vittima dell’eruzione di Pompei ed Ercolano (NA) del 79 d.C..

La scoperta è stata fatta dal team diretto dall’antropologo forense Pier Paolo Petrone, responsabile del Laboratorio di Osteobiologia umana e Antropologia forense presso il Dipartimento di Medicina legale dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Una ricerca multidisciplinare

La straordinaria scoperta fa parte di uno studio condotto dai ricercatori della Federico II, dal CEINGE-Biotecnologie Avanzate, dalle Università Roma Tre e Statale di Milano e dal CNR, in stretta collaborazione con il direttore del Parco Archeologico di Pompei ed Ercolano, Francesco Sirano. Archeologi, geologi, antropologi, genetisti, neurologi e medici legali hanno lavorato in sinergia nonostante le tante limitazioni imposte dal Covid-19: lo sviluppo della ricerca ha potuto contare sulle tecnologie più avanzate di microscopia elettronica del Dipartimento di Scienze dell’Università di Roma Tre.

I risultati dello studio hanno mostrato il processo di vetrificazione delle perfette strutture neuronali indotto dall’eruzione; sono stati analizzati anche i dati di alcune proteine già identificate dai  ricercatori in un lavoro pubblicato a gennaio scorso dal New England Journal of Medicine. Un aspetto di rilievo potrebbe riguardare  l’espressione di geni che codificano le proteine isolate dal tessuto cerebrale umano vetrificato, come spiega Giuseppe Castaldo; Maria Giuseppina Miano aggiunge che tutte le trascrizioni geniche identificate sono presenti nei vari distretti del cervello, quali la corteccia cerebrale, il  cervelletto o l’ipotalamo.

Ci auguriamo quindi di poter leggere ancora a riguardo.

Il processo di vetrificazione delle strutture neuronali al microscopio

Maria Rosaria Ariano

Classe '99. Laureanda del CdL triennale in Scienze Archeologiche presso la Sapienza, Università di Roma. Ho frequentato laboratori archeologici nei depositi di scavo dello stesso Ateneo: Leopoli-Cencelle (VT) e pendici meridionali del Palatino (RM; Domus Augustea e fortezze Frangipane) in cui ho esperienza di scavo. Adoro il greco antico: ho seguito diversi laboratori di traduzione e corsi di potenziamento; ho esperienza con la schedatura di frammento di decorazione architettonica romana e con la schedatura e informatizzazione epigrafica. Vado volentieri in giro per biblioteche e mi diverto con CAD e GIS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *