NEWS | Caso Zaki, Unime appoggia la richiesta della CRUI

L’Università di Messina aderisce alla richiesta della CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) per la campagna a favore della scarcerazione di Patrick Zaki.

La CRUI ha inviato alle autorità egiziane una richiesta di scarcerazione per Patrick George Zaki, studente dell’Università di Bologna arrestato al Cairo lo scorso 7 febbraio. L’Università di Messina aderisce e appoggia pienamente questa richiesta. L’appello rilancia la petizione della rete Scholars at Risk (SAR) e di Amnesty International e chiede che a Patrick Zaki sia concesso di attendere il processo a casa con la propria famiglia, luogo in cui riprendersi dalle sofferenze psicologiche dovute ai lunghi mesi di detenzione.

“Esprimo, anche a nome di tutta la Comunità Accademica, apprezzamento per la delibera della Giunta comunale di Messina sulla cittadinanza onoraria per Zaki. Speriamo che questa mobilitazione degli atenei di tutto il nostro Paese e delle istituzioni possa servire a muovere le coscienze. Ringrazio chi ha aderito e credo che il gesto dell’Amministrazione Comunale sia in piena sintonia con la campagna della CRUI” – dichiara il Rettore dell’Unime, prof. Salvatore Cuzzocrea, Vice Presidente della CRUI.

Patrick Zaki

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.