News | Al lancio “ArchAide”, l’App che riconosce e classifica i frammenti di ceramica

Nasce a Pisa dal laboratorio mappa del Dipartimento di Civiltà e forme del sapere di Pisa la prima applicazione che permette agli archeologi di catalogare e riconoscere migliaia di frammenti ceramici che ogni giorno riemergono dai contesti di scavo.

Il ricercatore pisano Gabriele Gattiglia spiega il funzionamento, che consiste nel scattare una semplice fotografia ed inviarla al riconoscimento automatico.

L’app si basa su reti neurali molto simili a quelle usate in ambito investigativo per i riconoscimenti facciali. È già disponibile gratuitamente sugli store digitali Ios e Android.
L’applicazione è stata realizzata per riconoscere sia i frammenti decorati sia quelli privi di decorazione e l’accuratezza del riconoscimento si aggira intorno al 75%.

Nel database dell’app, in continuo aggiornamento, troviamo già: Anfore Romane, Sigillata Italica e Ispanica, Majolica di Montelupo Fiorentino. 

Una schermata dell’App

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *