Lo sapevi che… | Zankle, la più antica Polis di Sicilia

Le prime tracce di frequentazione dell’area dello Stretto di Messina risalgono a migliaia di anni fa. Difatti, insediamenti indigeni sono presenti a Monte Ciccia e Monte Tidora, nonché in zone più pianeggianti come l’odierna Via Cesare Battisti o l’area su cui oggi sorge il Palacultura.

Necropoli del Bronzo Antico (XVIII – XV sec. a.C)
Is. 141 Via Cesare Battisti – Tomba 5
Sepoltura a Enchytrismòs: deposizione del corpo all’interno di grandi vasi contenitori (Pythos, in foto)

Ma fu soltanto con l’intensificarsi delle spedizioni da oriente che lo Stretto acquista un’importanza nevralgica all’interno delle nuove vie di comunicazione. Le popolazioni già presenti sul territorio non rappresentarono, però, un serio problema per chi veniva dalla penisola greca; difatti, le genti provenienti dalla Calcide riuscirono facilmente a insediarsi sul territorio e a fondare la nuova colonia Zancle (italianizzato da Zankle).
Il nome è di origine indigena (Sicula per la precisione), dunque lascia presagire contatti tra le popolazioni che ivi risiedevano e quelle provenienti da oriente. Ma fu soltanto nel 757 a.C. che la colonia iniziò ufficialmente la sua vita. La datazione è proposta dallo storico Eusebio e trova riscontro con i dati archeologici, seppure nel corso degli ultimi anni il dibattito sia ancora tutt’altro che concluso e propone, come antitesi, una datazione leggermente più recente (730 a.C.). Gli studiosi propendono per la datazione più antica in quanto sembrerebbe, secondo la tradizione letteraria, che le più antiche colonie greche d’Italia, quali Pitecussa e Cuma (la cui datazione è di qualche anno antecedente rispetto a quella della colonia siciliana), abbiano partecipato alla fondazione di Zancle insieme ai calcidesi. E in effetti risulta plausibile, considerando che, già dai primi contatti con il mondo miceneo, l’area dello Stretto era il primo stanziamento obbligato per far poi successivamente rotta verso le coste italiane o quelle della Sardegna. All’interno di queste rotte commerciali ricadeva anche Lipari e, più in generale, le isole Eolie, densamente popolate e in grado di influenzare e trasmettere i loro usi e costumi agli abitanti della Sicilia nord-orientale (ad esempio Mylai, Milazzo). Dunque il viaggiatore che dalla Grecia avesse dovuto raggiungere le coste campane non avrebbe potuto esimersi dal far scalo e rifornimenti a Zancle, tenendo conto di quelli che erano i mezzi e le risorse nonché le esigenze dei popoli di allora.


Confermata dunque la datazione al 757 a.C., il confronto con le realtà che sono nate successivamente è molto semplice. Zancle è la più antica colonia della sicilia e una delle più antiche della Magna Grecia, eccezion fatta per le già citate Cuma e Pitecussa a cui va a sommarsi la splendida Metaponto.
Neanche la potente Roma risulta così antica: la storiografia ha datato, infatti, al 21 Aprile 753 a.C. la sua fondazione ufficiale, di 4 anni più recente rispetto alla fondazione dell’odierna Messina.

 


Riferimenti bibliografici

Musti, D., Storia Greca. Linee di sviluppo dall’età micenea all’età romana, Laterza, Bari 2006.

La Torre, G.F., Sicilia e Magna Grecia. Archeologia della colonizzazione greca d’Occidente, Laterza, Bari 2011.

Carandini, A., La fondazione di Roma raccontata da Andrea Carandini, Laterza, Roma – Bari 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *