Illustri Messinesi | Il talento di Ninni Bruschetta

Ninni Bruschetta, all’anagrafe Antonino Bruschetta (Messina, 6 gennaio 1962), è un grande artista del panorama messinese. Attore, regista e sceneggiatore, nel  1983 fonda una sua compagnia teatrale, la Nutrimenti Terrestri e si dedica principalmente a soggetti di valenza sociale. Tra le sue regie, I carabinieri di Beniamino Joppolo (1993), Giulio Cesare di William Shakespeare con Giampiero Cicciò nel ruolo di Marco Giunio Bruto (1998), Corruzione al Palazzo di giustizia di Ugo Betti(1999), Antonio e Cleopatra di Shakespeare (2001), Medea di Franz Grillparzer con Anna Maria Guarnieri (2001), L’istruttoria – Atti del processo in morte di Giuseppe Fava di Claudio Fava con Donatella Finocchiaro (2006).

Dal 1996 al 1999 è stato direttore artistico del Teatro di Messina. Nel 2010 ha pubblicato il libro Il mestiere dell’attore edito da Bompiani, con una prefazione di Franco Battiato. Nel 2012 ha messo in scena L’ufficio di Giacomo Ciarrapico e Mattia Torre (gli autori della serie tv Boris). Nel 2016 ha debuttato al Teatro Menotti di Milano con Amleto di Shakespeare, con Angelo Campolo nel ruolo del titolo. Nel febbraio 2016 è uscito il suo secondo libro, edito da Fazi e intitolato Manuale di sopravvivenza dell’attore non protagonista. Nel 2017 ha messo in scena Il giuramento di Claudio Fava.

Ninni Bruschetta e l’amico Checco Zalone, dal profilo Facebook dell’attore messinese

Al cinema ha lavorato a film come La vita che vorrei di Giuseppe Piccioni, Il giudice ragazzino di Alessandro Di Robilant, L’uomo in più di Paolo Sorrentino, Mio fratello è figlio unico di Daniele Luchetti, mentre in televisione ha recitato nelle fiction Paolo Borsellino di Gianluca Maria Tavarelli, Il generale Dalla Chiesa di Giorgio Capitani e Aldo Moro – Il presidente. Dal 2007 interpreta il personaggio di Duccio Patanè, un direttore della fotografia cocainomane, nel telefilm Boris trasmesso dalla tv satellitare Fox, nonché in Boris – Il film. Dal 2008 al 2009 ha interpretato in Squadra antimafia – Palermo oggi il ruolo di Alfiere, poliziotto valoroso che muore nella seconda serie.

Nel 2010 ha interpretato il commissario Cavaterra nella fiction Rai Lo scandalo della Banca Romana a fianco di Giuseppe Fiorello e Vincent Pérez. Inoltre è apparso in episodi di alcune fiction molto popolari quali Don Matteo o Distretto di Polizia. Dal 2011 è Salvatore Lobascio nella serie televisiva Fuoriclasse. Nel 2012 è nel cast de La moglie del sarto per la regia di Massimo Scaglione.

Nel giugno 2016 entra nel cast secondario di Un posto al sole, serie in cui ricopre il ruolo di Gualtiero Valle. Questo il curriculum straordinario di un grande artista, che non ha mai dimenticato la sua terra, vivendola, difendendola ed esaltandola, nella maniera migliore, con l’arte delle arti: lo spettacolo.

 

Ninni Bruschetta e Carmine Coppola dal profilo Facebook dell’attore che ricordano, con nostalgia, il Messina in serie A

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *