ATTUALITÀ | “Sentimento e osservazione”, la mostra del Museo d’Arte della Svizzera Italiana

Il MASI (Museo dell’Arte della Svizzera Italiana) informa sulla mostra che sarà ospitata nelle sale del “LAC – Lugano Arte Cultura” proprio a Lugano (TI), città di lingua italiana nella Svizzera del sud.

Le collezioni del MASI rispecchiano l’evoluzione della recente storia dell’arte ticinese. Dal XIX secolo, questa non è solamente improntata dalla comunità artistica regionale, bensì anche dagli artisti, collezionisti, commercianti e studiosi che hanno scelto il Ticino come patria d’adozione. In particolare, nelle collezioni viene rappresentata la caratteristica ambivalenza del Canton Ticino, con la sua identità culturale italiana da un lato e l’appartenenza politica allo stato federale svizzero dall’altro.

Giovanni Giacometti, Sera sull’Alpe, 1906. Olio su tela. Museo d’arte della Svizzera italiana, Lugano. Deposito della Confederazione Svizzera, Ufficio federale della cultura, Berna

Le collezioni del MASI sono dunque legate da un doppio filo culturale: metà italiano e metà svizzero, che è stato soggetto a non poche influenze nella storia.

La presentazione delle collezioni del MASI, arricchita da prestiti autorevoli, intende offrire una visione di come l’arte in Ticino – a partire dalla fondazione dello Stato federale svizzero nel 1848 fino alla fine della seconda guerra mondiale – si sia dinamicamente evoluta nel suo contesto culturale specifico, e quali siano state le influenze provenienti dal Sud e dal Nord che si sono affermate nella regione. Il percorso espositivo ne segue quindi alcune tappe fondamentali: dal Realismo, all’Impressionismo fino al Post-Impressionismo; attraverso il Simbolismo, l’Espressionismo, la Nuova Oggettività e il Realismo Magico si giunge alle prime fioriture del Surrealismo.

Orari e ingressi

Qui gli orari. Gli ingressi rispettano le norme anti-contagio e, pertanto, sono contingentati. Interessante l’opportunità di sabato 8 maggio 2021.

  • Mar/Mer/Ven: 11.00 – 18.00;
  • Gio: 11.00 – 20.00;
  • Sab/Dom/Festivi: 10.00 – 18.00;
  • Lun: chiu­so.

Ingresso gratuito: sabato 8 maggio, ore 10:00 – 18:00.

Clicca qui per conoscere i costi dei biglietti.

svizzera
Marianne von Werefkin, Il Ticino, 1927. Olio e tempera su cartone, 44.3 x 58 cm, Museo d’arte della Svizzera italiana, Lugano. Collezione Canton Ticino – ©Museo d’arte della Svizzera italiana, Lugano

In copertina: “Lugano Arte Cultura”, edificio del MASI e sede della mostra (Lugano, TI).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.