ARCHEOLOGIA | Il Pollino protagonista delle Giornate Internazionali di Archeologia

È nella splendida cornice naturale dell’alta valle del torrente Raganello, sul massiccio del Pollino, a San Lorenzo Bellizzi (CS), che si terranno le Giornate internazionali di archeologia “Dal Pollino all’Orsomarso. Ricerche archeologiche tra Ionio e Tirreno”. L’inizio dell’intensa tre giorni, ricca di interventi e personalità del mondo accademico internazionale, è previsto per domani, 4 Ottobre, e si concluderà giorno 6 Ottobre.  

“Dal Pollino all’Orsomarso” costituisce la seconda parte di un progetto incentrato sulla ricostruzione della storia e dell’archeologia di un territorio che oggi, per la maggior parte, coincide con l’area protetta del Parco Nazionale del Pollino. La prima e introduttiva parte si data all’aprile del 2016, quando, proprio a San Lorenzo Bellizzi, è stato organizzato il convegno “Il Pollino. Barriera naturale e crocevia di culture”, cui è seguita la pubblicazione di un interessante volume degli atti. Sulla scorta di questo primo appuntamento, nasce ora “Dal Pollino all’Orsomarso. Ricerche archeologiche tra Ionio e Tirreno”, che amplia notevolmente l’area oggetto di studio. Anche questa seconda manifestazione tende a favorire la comunicazione di novità e lo scambio di dati e informazioni, intendo essere un’occasione di incontro per gli studiosi e i ricercatori che operano su questo vasto territorio.

Tra i relatori spiccano i nomi del Dott. Marco Sfacteria e del Prof. Fabrizio Mollo, esponenti dell’Università degli studi di Messina, che interverranno rispettivamente su “Archeologia nella Valle del Mercure: nuovi dati sulla viabilità romana tra Basilicata meridionale e Calabria settentrionale” e “Nuove ricerche archeologiche a Laino Borgo e nella Valle del Lao-Mercure”; mentre, tra i nomi di chi si è occupato di progettare i poster espositivi, sempre per l’Università di Messina, segnaliamo quelli di Valentina Casella e Antonella Laino che hanno curato il poster dal titolo “Ricognizione nel territorio di Laino Borgo (CS): i materiali delle arre di Santa Gada e San Primo.

Visits: 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *